Skip to main content

luglio, 2022

03lug16:3019:30La tradizione della lavanda a Tuscania: dall’Abbazia di San Giusto ai campi di lavanda in piena fioritura!16:30 - 19:30 Abbazia di San Giusto

Dettagli Evento

Volete scoprire come è iniziata a Tuscania la coltivazione e le attività legate a questa bellissima pianta aromatica? Nella Tuscia come in Provenza, in occasione dell’undicesima edizione della Festa della Lavanda, tra abbazie e campi di lavanda, ve lo racconterò nelle mie passeggiate per un fine settimana molto particolare.

Come ogni anno da ormai più di dieci anni, anche questa estate, potrete ammirare la bellezza dei luoghi storici della sua città e le aziende produttrici con i loro campi fioriti e curati come giardini. Seguendo la tradizione dei monaci cistercensi, venuti nel medioevo dalla Francia a Tuscania, alcuni imprenditori coraggiosi, iniziarono la coltivazione della lavandula officinalis e del lavandino grosso.

Il ciclo di passeggiate permetterà di scoprire la splendida Abbazia Cistercense di San Giusto che offre oggi la stessa magia di molti secoli fa quando monaci e viandanti che percorrevano le antiche strade decisero di fermarsi.

L’opera dell’uomo e quella della natura si fondono proprio come voleva San Benedetto da Norcia. Il monastero si affaccia sulla valle del fiume Marta. La presenza di sorgenti ha sicuramente incoraggiato gli insediamenti fin dall’epoca etrusca, romana e medievale.

La prima notizia sicura di una comunità monastica di San Giusto è della fine del X secolo, quando un gruppo di monaci, seguendo la Regola di San Benedetto da Norcia, fondarono il primo monastero.
Nel 1146, l’abbazia cistercense di Fontevivo (Parma), abbazia figlia di Clairvaux (Francia), inviò un gruppo di monaci a reinsediare San Giusto come abbazia cistercense. Nel XV purtroppo l’abbazia fu definitivamente soppressa e da allora in poi i suoi edifici caddero in rovina.

Noi avremo la possibilità di ammirarne la rinascita di questo luogo, grazie all’attuale proprietario Mauro Checcoli, ingegnere bolognese (medaglia d’oro olimpica Tokio 1964) e alla sua famiglia che nel 1990 acquistano l’azienda con i ruderi dell’abbazia di San Giusto. Oggi l’abbazia di San Giusto è un’azienda agricola biologica eco-compatibile ed un luogo per viaggiatori, artisti, appassionati di natura e d’arte.

Dopo questa immersione nella bellezza del paesaggio e della storia dell’abbazia ci sposteremo con le auto nell’Azienda Agricola Sensi il Casino di Caccia Consalvi. La tenuta fu un piacevole luogo di rifugio e meditazione di un personaggio che svolse un ruolo diplomatico importantissimo nei rapporti tra il pontefice Pio VII e Napoleone Bonaparte e curò il programma del Congresso di Vienna del 1814.

L’edificio padronale è oggi circondato dalla lavanda e da ulivi centenari. Questo è il miglior periodo per godere della bellezza della fioritura, il colore è intenso e i fiori si riempiono di farfalle e di api indaffarate nel lavoro.

L’Azienda Agricola è tutta al femminile, guidata dalle sorelle Claudia e Patrizia che hanno avviato la coltivazione della lavanda, realizzando una linea cosmetica a base di olio extravergine d’oliva e olio essenziale di lavanda, oltre che il loro olio Dop e tanti altri prodotti.
Qui vi rinfrescherete con un’ottima bevanda dissetante alle erbe aromatiche

 

INFORMAZIONI E DETTAGLI: tel. 333 4912669, Anna Rita Properzi Guida Turistica e Ambientale Escursionistica Iscritta al Registro Italiano Aigae con Assicurazione Professionale RC attiva.

 PRENOTAZIONI sul sito www.annaritaproperzi.it, Contatti anche tramite whatsapp, mail [email protected]

COSTO: 15€ che comprende la visita all’Abbazia e la visita dei campi di lavanda e del Casino di caccia del Cardinale Ercole Consalvi.

APPUNTAMENTO: DOMENICA 3 luglio ore 16.30 presso l’Abbazia di San Giusto, Str. Consortile delle Poppe.

 

Ora

(Domenica) 16:30 - 19:30

Location

Strada le poppe tuscania

Prenotazione obbligatoria

Prezzo €15.00

Quante persone? -1 +

Prezzo Totale €15.00

Indietro
Chiamami
Scrivimi
X
X